L’Avv. Gian Carlo Soave risponde: “Danno al Terzo Trasportato”

Lascia un commento

16 dicembre 2015 di ilbroker

Eccoci arrivati all’ultimo articolo di risposta del nostro Avvocato Gian Carlo Soave prima della doverosa pausa natalizia. Per questo motivo auguriamo a tutti i lettori – che per inciso sono stati oltre 115.000 per tutte le domande e risposte fatte al nostro carissimo Avvocato Soave – di questa rubrica di grande successo.

IMG_5031-3Vi ricordiamo di acquistare, se non l’avete ancora fatto, il libro Intermediario del Futuro con tantissime risposte inedite e le Introduzioni ai Capitoli di Mirko Odepemko.

Per acquistare il libro collegatevi qui nel sito per autori indipendenti di Apple. Se sei un intermediario e vuoi comprare almeno 5 libri potrete accedere al 30% di sconto inviando una email a postmaster@ilbroker.it

Domanda: Mi sono rotto il polso a causa di un incidente in moto guidata da mio cognato che non ha rispettato uno stop e così siamo finiti contro una macchina che stava arrivando. Ho diritto ad essere risarcito?

Risposta: Gentile Signore, la Cassazione, con sentenza n. 16181 del 30.07.2015, ha stabilito che, ai fini del risarcimento da parte della Compagnia di Assicurazione del veicolo su cui si trovava al momento del sinistro, il terzo trasportato è tenuto soltanto a provare il danno subito e non anche le modalità dell’incidente.

La Suprema Corte ha, dunque, accolto il ricorso di una donna vittima di un incidente stradale insieme alla figlia occorso mentre il marito si trovava alla guida del veicolo, di proprietà della moglie stessa.

La signora chiedeva alla Compagnia Assicuratrice il risarcimento del danno patito da se stessa e dalla figlia: il Giudice di Pace, in primo grado, riteneva fondata la domanda; il Tribunale, in appello, riteneva invece che, non essendovi stata collisione diretta tra i veicoli, non fosseapplicabile la presunzione di pari responsabilità ai sensi dell’art. 2054, 2° comma, c.c.

La signora ricorreva, quindi, in Cassazione per sentir affermare il proprio diritto al risarcimento dalla Compagnia ai sensi dell’art. 141 del Codice delle Assicurazioni secondo il quale il danno subito dal terzo trasportato è risarcito dall’impresa di assicurazione del veicolo sul quale il danneggiato è trasportato al momento del sinistro, a prescindere dall’accertamento della responsabilità dei conducenti dei veicoli coinvolti nel sinistro”.

Secondo la Suprema Corte la ratio della norma è quella di fornire al terzo trasportato “uno strumento aggiuntivo di tutela” per agevolarlo nel conseguimento del risarcimento nei confronti dell’assicuratore, risparmiandogli “l’onere di dimostrare l’effettiva distribuzione della responsabilità tra i conducenti dei veicoli coinvolti nel sinistro”.

Il terzo trasportato danneggiato a seguito di un incidente stradale ha azione diretta nei confronti della compagnia assicuratrice del veicolo,potendo far valere “anche i diritti derivanti dal rapporto obbligatorio nato dalla responsabilità civile dell’autore del fatto dannoso”.

La tutela assicurata al terzo dall’art. 122 C.d.A., qualunque sia “il titolo di responsabilità nel rapporto fra trasportato e proprietario o conducente del veicolo”, se non fosse accompagnata dalla previsione di cui all’art. 141 che lo abilita all’azione diretta gli impedirebbe di esercitare la garanzia assicurativa se non per mezzo dell’assicurato.

La Corte ha statuito, altresì, che detti diritti spettino anche al proprietario quale terzo trasportato, “essendo irrilevante ogni vicenda normativa interna e nullo ogni patto che condizioni la copertura del trasportato all’identità del conducente”.

Secondo la Cassazione ha, pertanto, errato il Tribunale a rigettare la domanda della signora per non aver fornito la prova della dinamica dell’incidente al fine della individuazione della responsabilità dei rispettivi conducenti: tale accertamento è al di fuori della previsione dell’art. 141 C.d.A., in quanto la responsabilità della compagnia assicuratrice del vettore prescinde “dall’accertamento della responsabilità dei conducenti dei veicoli coinvolti nel sinistro”.

Conclusivamente, in applicazione dell’art. 141 C.d.A., secondo un’interpretazione in linea con la Corte di Giustizia dell’Unione Europea, ilterzo trasportato per essere risarcito dall’impresa di assicurazione del veicolo sul quale si trovava a bordo al momento del sinistro deve provare di aver subito un danno a seguito del sinistro, ma non le modalità dell’incidente al fine di individuare la responsabilità dei rispettivi conducenti. Il trasportato ha diritto, nei confronti del suo assicuratore, al risarcimento del danno alla persona causato dalla circolazione non illegale del mezzo, essendo irrilevante ogni vicenda normativa interna e nullo ogni patto che condizioni la copertura del trasportato all’identità del conducente.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Quante visite?

  • 1,593,108 Visite

Segui assieme ad altri 8.486 follower

AEC SpA

AFI – ESCA

ACB

AssiTV

Il Broker – Il Blog per l’Intermediario Assicurativo.

Direttore Responsabile: Dott. Luca Florenzano. Sede Editoriale: Via Goffredo Mameli, 1 / 2 - 16122 Genova. Testata Telematica - Iscrizione al n. 6/2016 del Registro Stampa presso il Tribunale di Genova con Decreto Presidenziale del 5 Agosto 2016.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: