I dossier Banca Marche e Carife potrebbero tentare anche Unipol

1

8 gennaio 2016 di ilbroker

I dossier Banca Marche e Carife potrebbero tentare anche Unipol  
Roberto Nicastro, il presidente delle quattro banche risanate, non ha mai fatto mistero dei contatti in corso e non c’è dubbio che in queste settimane il dossier stia arrivando su molte scrivanie. Ad esempio sembra che Banca Marche e la più piccola Cassa di risparmio di Ferrara (Carife) siano oggetto di attenzioni nella galassia Unipol . Non tanto tra il top management, che non avrebbe ancora affrontato apertamente il tema, quanto fra i grandi stakeholder del gruppo finanziario bolognese. Ferrara e Jesi, si fa notare, non sono poi molto lontane dal quartier generale di via Stalingrado e soprattutto costituiscono un’asse di espansione ideale verso l’Adriatico. Senza contare che già da qualche tempo Unipol è alla ricerca di nuovi assetti per le attività nel comparto del credito. Lo ha confermato l’amministratore delegato Carlo Cimbri, candidandosi di fatto all’imminente risiko bancario. Se insomma la volontà di crescere per linee esterne c’è, resta da capire che se oggi Banca Marche o Carife siano i target ideali. A favore dei due istituti giocano senza dubbio la buona qualità degli attivi (completamente ripuliti dalle sofferenze grazie alla bad bank), la solidità patrimoniale e la collocazione geografica in continuità con le direttrici di espansione di Unipol . Senza dubbio però l’acquisizione di una banca di medie dimensioni accrescerebbe il peso del credito nel perimetro del gruppo bolognese in un momento di forte criticità per il settore bancario. Pro e contro insomma in un confronto che potrebbe presto entrare nel vivo.
Fonte: MF 

One thought on “I dossier Banca Marche e Carife potrebbero tentare anche Unipol

  1. Sarebbe paradossale che 2 Banche “salvate” spostando i crediti in sofferenza in una bad bank e ricapitalizzate attraverso il fondo di risoluzione delle crisi bancarie, finissero nelle mani di un gruppo che è la sommatoria di 2 società che vengo da anni di perdite miliardarie ed una banca che a sua volta è stata a più riprese ispezionata da Banca d’Italia con rilievi sia sul controllo del rischio che dei crediti in sofferenza. Inoltre mi domando l’operazione verrebbe portata a termine con apporto di capitali dei soci o molto più probabilmente a debito stile Telecom? Per non parlare della riorganizzazione post fusione/acquisizione di Fonsai da parte di Unipol che è ben aldilà dell’essere conclusa. Cosa succederebbe se andasse in porto l’operazione? Chi gestirebbe la fusione tra banche che hanno modelli organizzativi e sistemi informativi diversi? A mio avviso si creerebbe un’altro cantiere che andrebbe avanti almeno 2 anni con tutta una serie di ripercussioni che inevitabilmente ricadrebbero anche sul settore assicurativo.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Quante visite?

  • 1,117,210 Visite

Segui assieme ad altri 7.326 follower

TANTE NOVITA’!!!

Il Grande Giorno30 gennaio 2017
13 giorni ancora.

RC AGENTI e BROKER

Barrington & Partners

News on the Road

AssiTV

Il Broker – Il Blog per l’Intermediario Assicurativo.

Direttore Responsabile: Dott. Luca Florenzano. Sede Editoriale: Via Goffredo Mameli, 1 / 2 - 16122 Genova. Testata Telematica - Iscrizione al n. 6/2016 del Registro Stampa presso il Tribunale di Genova con Decreto Presidenziale del 5 Agosto 2016.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: