TRAGEDIE: Tutte le volte, ma sempre dopo!

1

25 agosto 2016 di ilbroker

Tutte le volte che in Italia succede una tragedia legata a qualche calamità naturale (terremoti, alluvioni, etc.) si pensa a quanto sia importante essere assicurati e quanto lo Stato potrebbe fare insieme alle Compagnie Assicurative. 

Ho scritto più volte in questi anni (ovviamente non solo io e, soprattutto, studiosi molto più preparati) sia nei miei libri che in articoli su vari blog e riviste sull’argomento prendendo spunto da studi molto particolareggiati sull’argomento.

La finiamo di parlare e invece facciamo qualcosa di concreto. Si potrebbe iniziare non applicando le tasse sulla partita terremoto delle polizze casa e fabbricati. Si potrebbe anche prevedere un tavolo ANIA e Governo per creare un Pool e poi, perché no, prevedere la possibilità di defalcare il costo completamente della polizza casa o fabbricato dalla propria dichiarazione dei redditi. 

Svegliamoci, soprattutto i Governi che dovrebbero, ma non in stato di crisi, avere lungimiranza!

Guardate quanti sono stati, in questi anni, i danni assicurati e non assicurati secondo uno studio ufficiale Swiss Re.


Mirko Odepemko

One thought on “TRAGEDIE: Tutte le volte, ma sempre dopo!

  1. Graziano Cavallini ha detto:

    Mirko tra qualche giorno cominceremo a sentire la solita manfrina sull’obbligatorietà della polizza catastrofale. Ma se dall’indagine di Findomestic che avete pubblicato solo il 23% possiede una polizza abtazione di cosa stiamo parlando.
    Come tu ben sai i vivo a Ferrara provincia colpita dal terremoto nel 2012, fin dal 2008 ho cercato di sensibilizzare le associazioni di categoria sui danni catastrofali e indiretti, la risposta è sempre stata la stessa, abbiamo delle convenzioni e non possiamo muoverci diversamente.
    Proprio il giorno della prima scossa avrei dovuto avere un incontro con un’associazione su questi temi ma è stata rimandata alcuni giorni prima perché era stata convocata una riunione in Comune a Ferrara per i nuovi POR/PSR. Ci siamo incontrati poi ai primi di Giugno ovvero dopo la seconda scossa (29/05). Ad inzio incontro ho chiesto come stesse andando la risposta testuali parole è stata ” dottore purtroppo molti associati mi chiamano perché erano convinti di avere la garanzia TERREMOTO ma le assicurazioni rispondono di no”, al che mi è venuto spontaneo dirgli ” cosa vuole sono 4 anni che fate orecchie da mercante e ora piangete? Vi starebbe bene che i vostri associati venissero a conoscenza di ciò che avreste potuto fare e che invece non avete fatto.”.
    Poi c’è un aspetto più pratico, la carenza/assenza di manutenzione del patrimonio immobiliare unitamente al fatto che solo una piccola percentuale è stata costruita/ristrutturata con criteri antisismici esporrebbe le Compagnie a bagni di sangue che credo non siano intenzionate a subire.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Quante visite?

  • 1,453,108 Visite

Segui assieme ad altri 8.172 follower

AEC SpA

AFI – ESCA

ACB

AssiTV

Il Broker – Il Blog per l’Intermediario Assicurativo.

Direttore Responsabile: Dott. Luca Florenzano. Sede Editoriale: Via Goffredo Mameli, 1 / 2 - 16122 Genova. Testata Telematica - Iscrizione al n. 6/2016 del Registro Stampa presso il Tribunale di Genova con Decreto Presidenziale del 5 Agosto 2016.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: